La dieta dei monaci buddisti, pro e contro.

dieta_monaci_buddisti

Dopo la dieta Dukan e la dieta Tisanoreica arriva una nuova moda in Italia, la dieta dei monaci buddisti! Il passaparola sui social network è enorme e spesso mi viene chiesto se questo tipo di dieta funziona oppure no. Sicuramente possiamo dire che, rispetto a Dukan o Tisanoreica, è assolutamente più equilibrata ma andiamo a vedere insieme i suoi pro e i suoi contro per capire se vale veramente la pena seguirla oppure no.

La dieta dei monaci si basa su un regime alimentare a base di riso, frutta, verdura e litri di tisane. Non prevede l’uso di sale come condimento su riso e verdure ma al suo posto vengono utilizzate salsa di soia, gomasio e altre erbe aromatiche. Assolutamente vietati olio, carne e pesce.

Pregi:

– E’ stato dimostrato da numerose ricerche scientifiche che la dieta priva di proteine animali ha molti vantaggi in più rispetto a una dieta ricca, in particolar modo nella prevenzione e cura delle malattie degenerative.

– I vegani e i vegetariani, quindi persone che non consumano molte proteine di origine animale, tendono ad avere meno casi di osteoporosi rispetto agli onnivori. La ricerca ha dimostrato che l’osteoporosi avviene a causa dell’eliminazione del calcio delle ossa tramite i nostri reni, indipendentemente dalla quantità di calcio che assumiamo quotidianamente. Una dieta iperproteica favorisce l’insorgenza dell’osteoporosi in più una dieta a baase vegetale è ricca di calcio, ad esempio 100 grammi di sesamo arrivano a contenere 1000 milligrammi di calcio mentre il latte, per esempio, ne contiene solo 120/100g.

– Le tisane che vengono realizzate con le erbe sono antiossidanti, depurative e protteggono il nostro sistema immunitario.

– In questa dieta manca il sale e questa è un’ottima cosa. Il sale è già presente in natura in moltissimi alimenti sotto forma di glutammato monodosico, spesso utilizzato anche come additivo nell’industria alimentare. Per questo il sale è praticamente ovunque e aggiungerlo diventa inutile. In Inghilterra, il WCFR ha verificato  che, un caso su sette di cancro allo stomaco, potrebbe essere evitato consumando meno sale. Oltre al cancro, l’eccesso di sale aumenta la pressione del sangue facendo lievitare le possibilità di malattie cardiache ed ictus.

Difetti:

La dieta dei monaci è veramente monotona e noiosa visto che si possono consumare solo riso, frutta e verdura. Per questo motivo questa alimentazione è carente in molti nutrienti, soprattutto in proteine ad alto valore biologico. Una dieta vegana, ad esempio, è ricca di proteine essenziali ottenute da una combinazione di varietà di alienti vegetali che sono invece proibite nella dieta buddista.

A questo regime di depurazione va abbinata una tisana, composta da erbe come tulsi, citronella, aloe vera, antiossidanti sulfur dioxide, thè verde, erbe aromatiche e petali di fiordaliso in proporzioni variabili, che dovrebbero aiutare il processo di perdita del peso; il problema è che questa tisana raggiunge cifre folli nell’acquisto su internet e in negozio, fino a 60€ per 300grammi. Per questo possiamo capire il tipo di business che c’è sempre intorno alle mode alimentari.

Un consiglio alla portata di tutti, se volete fare una dieta depurativa cambiando il vostro stile di vita, vi consiglio di leggere il mio articolo pubblicato su donnaclick.it dove spiego cos’è la vera dieta detox:

http://www.donnaclick.it/salute-donna/dieta/29569/la-vera-dieta-detox-il-parere-della-nutrizionista/