Browsing articles tagged with " Ricette sane"

Dolce Nuvola

Nov 13, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Le ricette di Antonella, Ricette Vegetariane / Vegan / Bio  //  No Comments

tortina

Ingredienti:
180g di farina di farro
1 banana grande
70ml di sciroppo di acero
60 ml di olio di semi di girasole
100 gr di marmellata di fichi (senza zuccheri aggiunti)
200gr di panna di riso montata
30g di granella di mandorle
2 cucchiaini di lievito per dolci (biologico)
2 cucchiai di acqua

Preparazione:
Schiacciare la banana con la forchetta e successivamente aggiungere l’acqua.
In una terrina mettere la farina, il lievito, la banana, lo sciroppo di acero, l’olio e amalgamare con cura.
Trasferire il composto in una tortiera unta e infarinata.
Cuocere a 180 ° per 25 minuti.
Montare la panna di riso con uno sbattitore alla massima potenza per 2 minuti.
Trascorsi i 25 minuti , sfornate e lasciate riposare per mezz’ora.
Con un coltello affilato tagliare il pan di Spagna a metà con molta delicatezza.
Farcire con la marmellata di fichi.
Decorare l’intera superficie con la panna.
Aggiungere la granella di mandorle.
Lasciare riposare in frigo per un’ora.
Buon appetito!

Torta salata vegan – buonissima

Oct 30, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Le ricette di Antonella, Ricette Vegetariane / Vegan / Bio  //  No Comments

torta_salata

Buongiorno cari amici! Oggi vi propongo questa deliziosa torta salata vegana che fa letteralmente impazzire mio figlio ogni qual volta che la preparo.
È una torta salata dal sapore delicato ma gustoso e in più si mantiene benissimo anche il giorno dopo quindi ottima per il nostro pranzo veloce fuori casa.

Ingredienti:
250 g di farina (quella che preferite voi)
100ml di acqua bollente
100ml di olio extravergine di oliva
1 cucchiaino di lievito per torte salate
1 cucchiaino scarso di sale
1 pacchetto di panna di soia
Spezie (quelle che preferite)
1 zucchina tagliata a rondelle

Procedimento:
Accendete il forno a 200 gradi.
In una terrina con i bordi alti mettete la farina, il lievito, il sale, l’acqua bollente e infine l’olio.
Impastate con le mani per 5 minuti e otterrete una palla di pasta morbida ed omogenea.
Stendete la pasta con un mattarello aiutandovi con la carta da forno.
Mette l’impasto nel tegame unto e aggiungete le zucchine, la panna di soia e le spezie che avete scelto ;)
Infornate per 40 minuti .
Servite calda.
Buon appetito!

Ciambelline morbide di carote in passati Pan Brioche

Oct 29, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Le ricette di Antonella, Ricette Vegetariane / Vegan / Bio  //  No Comments

ciambelle

Ingredienti:
250 gr di farina Manitoba
50gr di zucchero di canna
12 gr di lievito di birra biologico
1 carota grattugiata
130ml di acqua
50 ml di olio di semi di girasole
Una spolverata di cocco (facoltativo )

Procedimento:
Sciogliete il lievito nell’acqua e mettetelo da parte.
In una terrina mettete la farina, lo zucchero, la carota grattugiata, il lievito sciolto nell’acqua, l’olio e impastate con le mani per 10 minuti.
Trasferite il panetto morbido in una ciotola,coprite con la pellicola per uso alimentare e trasferite il tutto  nel forno con solo la luce accesa del forno stesso per 2ore.
Trascorse le due ore prendete l’impasto e adagiatelo su un piano infarinato e con un mattarello formate un rettangolo dal quale riceverete 6 ciambelle utilizzando il bordo di un bicchiere dal diametro di 8 cm.
Forate il centro delle vostre ciambelle con un coppa pasta piccolo e lasciatele riposare nuovamente per un’ora.
Infornate a 180 gradi per 25 minuti.
Una volta pronte potete spennellare un pò di sciroppo di acero sulla superficie e aggiungere una bella spolverata di cocco in polvere ;)
Sono buonissime e morbidissime!
Ottime per la prima colazione;)

Cornetti Vegani alla banana – con crema di nocciole

Oct 28, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Le ricette di Antonella, Ricette Vegetariane / Vegan / Bio  //  No Comments

cornetti_vegan

Ingredienti:
250g di Manitoba
50gr di zucchero di canna
12 gr di lievito di birra biologico
130 ml di acqua
50 ml di olio di semi di girasole
1 banana grande
4 cucchiai di cacao amaro in polvere

Per il ripieno:

Cioccolata di nocciole oppure quello che preferite.

Preparazione:
Schiacciate la banana con una forchetta (deve diventare una purea).
In una terrina mettete la farina, lo zucchero, il lievito di birra sciolto nell’acqua, il cacao amaro la banana e impastate il composto che sarà spumoso quasi appiccicoso.
Lasciate lievitare per due ore nel forno con solo la luce accesa.
Trascorse le due ore prendete l’impasto e adagiatelo su un piano infarinato e con un mattarello formate un rettangolo e poi con la rotella formate dei spicchi.
Aggiungete un cucchiaino di cioccolato alle nocciole in ogni spicchio e avvolgente i spicchi su loro stessi.
Mettete i spicchi sulla carta da forno e lasciate riposare nel forno con la luce accesa per altre due ore.

Nota: non metteteli vicini perché cresceranno parecchio quindi distanziateli.

Cuocete a 180 gradi con il forno preriscaldato per 30 minuti.
Sono buonissimi, profumati e morbidissimi e se li volete congelare potete farlo tranquillamente ma invece di farli cuocere 30 minuti dimezzate a 15 così la lievitazione si bloccherà.

Ragù di lenticchie e funghi – ricetta buonissima

Aug 29, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Consigli Alimentari, Cucina Creativa, Curiosità alimentari, Diete e salute, Ricette Vegetariane / Vegan / Bio  //  No Comments

Lentil-Mushroom-Ragu2

Ingredienti per 4 persone:
80 g di lenticchie secche piccole
10 g di funghi secchi
600 g di passata di pomodoro
1 pizzico di noce moscata
Sale (rosa o integrale) e pepe q.b.

per il soffritto:
Olio extra vergine di oliva
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
1 foglia di salvia
Rosmarino
1 foglia di alloro

Mettete i funghi in ammollo in una scodella con acqua tiepida.
Tritate gli ingredienti del soffritto grossolanamente (fatta eccezione per la foglia di alloro) e metteteli in una pentola con l’olio in modo da soffriggere per 10 minuti.
A questo punto unite lenticchie, funghi, noce moscata e passata di pomodoro, salate e fate cuocere per 50 minuti.
Una volta cotto, eliminate l’alloro e frullate grossolanamente il tutto.

Servite sul vostro piatto aggiungendo, come tocco finale, del coriandolo :)

Scopriamo il bulgur, piatto tipico della Turchia

Aug 28, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Consigli Alimentari, Curiosità alimentari, Diete e salute, Medicina Ortomolecolare  //  No Comments

bulgur

Il bulgur è uno degli alimenti più antichi e tipici della Turchia. Viene ricavato dal frumento integrale e dal grano duro germogliato, successivamente cotto, essicato e fermentato.

E’ un alimento ricco di fibre, molto indicato a chi soffre di stipsi, ricco di vitamine del gruppo B e sali minerali come potassio e fosforo, molto digeribile dato che è pre cotto e con un indice di sazietà molto alto che aiuta a prevenire sovrappeso ed obesità.

Grazie al suo alto contenuto di fibre, oltre a migliorare la funzionalità intestinale, riduce il rischio di tumore al colon, di insorgenza di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

Essendo ricco di folati, ovvero una vitamina del gruppo B che partecipa alla formazione di globuli rossi, è un alimento particolarmente indicato a chi soffre di anemia. Le vitamine del gruppo B, contenute nel bulgur, sono necessarie per il corretto funzionamento del cervello e riducono il rischio di ammalarsi di Alzheimer.

Inoltre, le linee guida imposte dall’International Conference of Nutrition and Brain, nel 2013, sostengono che le diete a base vegetale sono le più adatte nella prevenzione di malattie neurologiche.

Il bulgur si può trovare facilmente in quasi tutti i supermercati,  ed è molto gustoso!

Ecco anche una ricetta semplicissima e buonissima: bulgur allo zafferano.

Ingredienti:
80 g di bulgur
una bustina di zafferano
brodo vegetale fatto in casa
pomodorini tagliati a pezzetti
basilico

Preparazione:
fate bollire il brodo vegetale aggiungendo lo zafferano e il buglur. Fate cuocere il tutto per 20 minuti e condite con pomodorini tagliati a pezzi e foglie di basilico.

Burger di lenticchie – ricetta facile e buonissima!

Jun 5, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Consigli Alimentari, Curiosità alimentari, Diete e salute, Ricette Vegetariane / Vegan / Bio  //  No Comments

burger_di_lenticchie

Ecco una ricetta facile e buonissima: il burger di lenticchie.

Ingredienti per 2 persone:

100g di lenticchie
1/4 di cipolla
1/2 carota
brodo vegetale
salvia
pangrattato
prezzemolo
un pizzico di sale
olio extra vergine di oliva

Procedimento:
Pulite e tritate cipolla e carota e fatele soffriggere per qualche minuto a fuoco basso in un filo di olio extra vergine di oliva unito ad una foglia di salvia. Aggiungete le lenticchie e coprite con brodo vegetale abbondante.
Cuocete per circa 30 minuti e fate evaporare bene prima di togliere dal fuoco. Versate le lenticchie in una ciotola aggiungendo il pangrattato necessario per ottenere la giusta consistenza.
A questo punto formate dei piccoli burger con le mani e cuocili a fuoco lento in una padella con poco olio.

Buon appetito!

Le pesche: idratanti, rinfrescanti e remineralizzanti.

Mar 24, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Consigli Alimentari, Curiosità alimentari, Diete e salute, Medicina Ortomolecolare  //  No Comments

pesche

Le pesche sono i frutti del pesco (Prunus Persica) e sono originarie della Cina. Hanno una buccia giallo/rossastra mentre la polpa può essere gialla o bianca.

Ne esistono varie qualità tra cui pesca noce, percola, saturnia e merendella (le più famose).

Sono un frutto ipocalorico (pensate che hanno solo 38Kcal per 100g di prodotto) costituito per il 90% da acqua. Contengono potassio, fosforo, magnesio, calcio, verro, vitamine del gruppo B (B1, B2, B3), vitamina A e vitamina C.

Hanno proprietà rinfrescanti, remineralizzanti e diuretiche. Grazie al loro contenuto di potassio apportano benefici al sistema nervoso, al battono cardiaco, al sistema immunitario, alla vista, alla pelle (grazie al betacarotene che contengono), alle unghie e ai capelli. Prevengono, inoltre, l’invecchiamento e aiutano a regolare la pressione arteriosa.

Grazie al loro effetto leggermente lassativo sono indicate per risolvere problemi di stitichezza specialmente nei bimbi.

Essendo un frutto tipicamente estivo, il suo consumo permette di reintegrare i sali minerali persi durante la sudorazione

Sono l’ideale dopo gli sforzi perché aiutano a reintegrare le energie. Vanno benissimo durante i regimi dietetici perché, nonostante il loro apporto ipocalorico, aiutano a favorire la sensazione di sazietà.

Consumare una pesca al giorno, significa fornire all’organismo circa il 15% del fabbisogno giornaliero di vitamina C (che è importantissima per prevenire le varie infezioni, per il trasporto e l’assorbimento del ferro nel sangue e per la riduzione del rischio di tumori).

Le ciliegie: un vero e proprio toccasana per la nostra salute

Mar 22, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Consigli Alimentari, Curiosità alimentari, Diete e salute, Medicina Ortomolecolare  //  No Comments

ciliegie

Le ciliegie sono senza dubbio uno dei frutti più gustosi che ci regala madre natura. Appartengono alla famiglia delle rosacee e provengono originariamente dall’Asia.

Sono ricche di vitamina A e vitamina C, aiutano a proteggere la vista e contribuiscono al buon funzionamento delle difese immunitarie.

Contengono acido folio, calcio, magnesio, fosforo, potassio e flavonoidi: tute sostanze ideali per la lotta contro i radicali liberi.
Sono depurative, disintossicanti, diuretiche e antireumatiche. L’ideale per prevenire patologie come disfunzioni renali, invecchiamento cellulare ed arteriosclerosi.

Secondo uno studio condotto dal Western Human Nutrition Research Center di Davis, in California, le ciliegie hanno un’azione antinfiammatoria delle articolazioni e antidolorifica grazie al loro contenuto di antociani, efficaci antiossidanti che vincono il dolore e le infiammazioni.

Possono essere utilizzate anche nelle tisane (che hanno proprietà purificative e possono calmare la cistite). Potete prepararle scaldando un litro di acqua e immergendo i gambi secchi di ciliegia.

Grazie alla presenza di caroteni e sali minerali, sono anche eccezionali per proteggere la pelle dal sole. La polpa è ottima anche per rivitalizzare la pelle del viso, specialmente se irritata.

Il loro apporto calorico è quasi nullo quindi sono un alimento ideale durante i periodi dietetici. Vi consiglio di mangiarne 20/25 al giorno per ottenere degli effetti benefici.

Succhi verdi: la vera fonte del nostro benessere

Mar 21, 2014   //   by Maria Papavasileiou   //   Consigli Alimentari, Curiosità alimentari, Diete e salute, Medicina Ortomolecolare  //  No Comments

succhi_verdi

Le verdure amare, a foglia verde, sono note per le loro proprietà curative e depurative ma, mischiate insieme in un estratto, possono fare dei veri e propri miracoli per la propria salute.

La chiave della guarigione da determinate patologie si trova nel potere della clorofilla. La sua formula chimica è molto simile a quella dell’emoglobina del nostro sangue: una sola sostanza la differenzia, il magnesio, che nella clorofilla sostituisce il ferro dell’emoglobina.

La clorofilla può essere considerata un vero e proprio rigeneratore per le cellule perchè apporta ossigeno (proprio come avviene con le piante ed il sole). Può, per questo, essere utile in varie forme di anemia, migliora la contrazione cariaca e si rivela utile soprattutto per gli sportivi dato che è in grado di aumentare la resistenza agli sforzi.

E’ l’unico componente con un potere depurativo in grado di disintossicare il fegato e dare ottimi benefici in caso di epatite. Si consigli anche nei soggetti anemici perchè in grado di aumentare la formazione di globuli rossi e trasferire il ferro e l’ossigeno ai vari tessuti.

Oltre a questo, regolarizza le mestruazioni, migliora i casi di emorroide, il drenaggio nasale, favorisce l’assorbimento del calcio e solleva i sintomi di colite e gastrite.

Questi succhi sono particolarmente indicati durante i periodi con acne, con malattie degenerative ma anche in caso di insonnia dato che migliorano il rendimnto di tutte le cellule e quindi, anche di quelle cerebrali.

Il modo migliore per assumere la clorofilla in alte dosi è quello di preparare degli estratti o succhi verdi direttamente a casa con l’aiuto di un estrattore o di una centrifuga a bassa velocità.

Pages:1234567...12»